Amazon FBA: Guida completa 2019

Amazon FBA costituisce una grande occasione di guadagno per tutti coloro che sono pronti a mettersi in gioco e ad applicarsi in modo costante.

Se vuoi capire bene cosa è Amazon FBA, come funziona e quali sono gli step da seguire per arrivare al successo, allora sei nel posto giusto!

Con questa guida completa su Amazon FBA vedremo:

Se preferisci guardare e ascoltare invece che leggere allora puoi seguire la
Video Guida completa Amazon FBA 2019

1 Cosa è Amazon FBA e come funziona

FBA è una sigla che sta per Fulfillment By Amazon, che possiamo tradurre in: Gestito da Amazon.

Per farla molto semplice il sistema funziona così:

  1. Tu invii la merce ai magazzini di Amazon.
  2. Le persone trovano il tuo prodotto su Amazon e decidono di acquistarlo.
  3. Amazon invia il prodotto, prendendosi cura di tutto il sistema logistico.
  4. Tu ricevi da Amazon il ricavo della vendita meno le commissioni per il servizio che Amazon ti offre.

Essenzialmente, Amazon si occupa di tutto il lavoro duro in cambio di una commissione per ogni vendita.

Le commissioni che Amazon trattiene si attestano intorno al 15% del prezzo di vendita. In più, Amazon tratterrà anche le spese di spedizione del prodotto che, in genere, vanno dai 3 ai 5€ (a seconda di peso e dimensioni del prodotto).

Quindi, per vendere su Amazon, la cosa più impegnativa che dovrai fare sarà procurarti la merce da vendere. In genere ci si rivolge al mercato cinese, dove è possibile trovare ottimi prezzi (ma senza tralasciare la qualità, di questo ne parliamo più avanti nella guida).

Amazon FBA ti permette di vendere in tutta Europa (Italia, Spagna, Francia, Germania e UK).

2 Quali sono i vantaggi rispetto ad un ecommerce normale e un dropshipping

Nessun magazzino

Il primo, evidente vantaggio dell’operare su Amazon FBA, rispetto alla gestione di un tuo ecommerce, è dato dall’assenza di un magazzino tuo da dover gestire. Quindi, niente costi fissi e tutti i vari problemi che la gestione di un magazzino può generare.

Nessuna gestione delle spedizioni

Con Amazon FBA non devi preoccuparti delle spedizione: fa tutto Amazon. Questo elimina un sacco di lavoro e rende il business semiautomatico, puoi veramente vendere anche quando dormi e non doverti preoccupare, poi, di fare il pacco e spedirlo.

Nessun sito da creare e gestire

Per avere un ecommerce normale o in dropshipping devi per forza creare e gestire tecnicamente il sito. Questo comporta spese e problemi continui che puoi completamente evitare vendendo attraverso Amazon FBA

Traffico garantito

Questo è forse il vantaggio principale del vendere attraverso Amazon FBA: una volta posizionato non devi generare traffico sui tuoi prodotti: sei già su uno dei siti più frequentati al mondo da persone con i soldi in mano pronte ad acquistare! Con qualsiasi altro genere di ecommerce devi effettuare un ottimo lavoro di marketing per riuscire a ottenere clienti. Un lavoro che comporta necessariamente importanti investimenti in pubblicità e struttura.

3 La vendita a marchio privato

Per avere successo vendendo su Amazon è necessario muoversi in modo intelligente, non si tratta di mandare prodotti a caso nei magazzini di Amazon sperando d riuscire a vendere qualcosa. Si tratta, piuttosto, di un processo molto più scientifico e preciso.

Il primo passo di questo processo è scegliere di vendere prodotto a marchio privato.

Vediamo perché:

Se effettui una ricerca per “gioco Lego” troverai diversi risultati, cliccando su uno di questi potrai vedere un determinato giocattolo. Puoi notare, però, che sotto al prezzo appare la scritta “Nuovi: 55 venditori…”

Questo significa che ci sono 55 venditori che stanno tentando di vendere su Amazon  quello stesso identico prodotto (legato al famoso marchio Lego).

Solo uno di loro, però, è presente nella “Buy box” e quindi nella pagina principale che vedi nel momento in cui clicchi sul prodotto.
Questo significa che solo uno di loro ha l’effettiva possibilità di vendere, tutti gli altri rimarranno a becco asciutto.

Per apparire nella “Buy box” devi essere considerato da Amazon un venditore affidabile ma, più di tutto, conta il prezzo che offri: più il prezzo è basso e più è facile per te apparire in “Buy box”.

Capisci bene che questa guerra dei prezzi non è il modo migliore per guadagnare!

Vendere prodotti a marchio privato significa smarcarsi da questo genere di problema e proporre un prodotto unico, legato ad un marchio tuo, che nessun altro può vantare di avere.

Questo ti permette di avere sempre la “Buy box” tutta per te senza dover necessariamente competere sul prezzo.

Un notevole vantaggio!

Ma non solo: vendendo a marchio privato puoi accedere al registro marche di Amazon, in questo modo ottieni la possibilità di creare contenuti arricchiti che renderanno le tue pagine prodotto estremamente più belle e accattivanti rispetto a tutti gli altri.

Ovviamente, vendendo a marchio privato non potrai vendere prodotti di marchi famosi. Quello che farai sarà inserirti in un mercato specifico con un’alta richiesta con un prodotto nuovo (e di questo ne parliamo più avanti nella guida).

4 I 7 passaggi essenziali per vendere con Amazon FBA

1 Partita iva

Come per qualsiasi altro business, per intraprenderlo seriamente è necessario mettersi in regola con il fisco, aprendo una partita iva.

Per molti questo è un passaggio che crea ansie e paure ingiustificate: è molto più semplice di quello che sembra. Ti basterà rivolgerti a un bravo commercialista per avere tutte le informazioni e, una volta scelto, sarà il commercialista a occuparsi di tutto.

Oggi è possibile aprirla in modo semplice ed economico (costo dai 200 ai 500€) in regime forfettario.

In questo video trovi tutte le spiegazioni, i pro e i contro del regime forfettario

2 Scelta prodotto

Questo è uno dei passaggi essenziali di tutto il processo: se scegli un buon prodotto non avrai problemi a venderlo, se invece effettui una scelta poco oculata potresti ritrovarti con uno stock di merce invendibile.

Data la delicatezza di questo passaggio è bene avvalersi dei migliori strumenti oggi disponibili per determinare quello che è un buon prodotto.

E siccome non esiste uno strumento che possa fornirci una precisione assoluta, il consiglio è quello di incrociare i dati di diversi strumenti. In particolare utilizzeremo:

Keywordtool fornisce il volume di ricerca su Amazon per una determinata parola chiave. Quante volte quella Keyword è stata ricercata in un mese.

Jungle Scout è composto da due strumenti: L’estensione per Chrome e l’applicazione web. Con l’estensione possiamo ottenere una stima dei dati di vendita giornalieri e mensili di un elenco di prodotti. L’applicazione web ci consente di tracciare dei prodotti in modo da ottenere risultati più precisi rispetto all’estensione.

Keyword tool dominator (KTD) ci mostra le stringhe di ricerca utilizzate dagli utenti su Amazon. Esempio: se inseriamo il termine “cucina” questo tool ci fornirà un elenco di tutte le frasi ricercate dagli utenti di Amazon che contengono la parola cucina. Questo ci permette di scoprire interessanti nicchie di mercato.

Come procedere:

  1. Effettui una prima ricerca su KTD utilizzando una keyword generale legata a un mercato molto ampio, come ad esempio “cucina” o “bambino“. Questa ricerca ti offrirà tanti risultati (ordinali per Rank, i migliori sono quelli al rank #1) che andranno a individuare delle nicchie di mercato come ad esempio “mandolina acciaio cucina” quindi qualcosa di molto specifico.
  2. Vai su Amazon e cerchi il risultato che hai individuato con KTD, nel nostro esempio “mandolina acciaio cucina“. Amazon mostrerà diversi risultati. A questo punto attivi l’estensione web di Jungle Scout per ottenere una stima delle vendite in questo mercato. Se le stime sono soddisfacenti procedi con il passaggio 3, altrimenti provi con un altro risultato di KTD (per soddisfacenti intendo almeno 150 vendite al mese per i venditori più forti).
  3. Vai su Keyword tool e ricerchi lo stesso risultato appena cercato su Amazon, per verificarne la mole di ricerche. Se le ricerche superano le 2-3000 mensili allora cominci ad avere un prodotto interessante. Su Keyword tool, poi, puoi anche ricercare direttamente solo la parola principale (quella ricercata anche su KTD) per verificarne la mole di ricerche e ottenere ulteriori idee su nicchie specifiche interessanti.
  4. Procedi a tracciare alcuni di questi prodotti con l’applicazione web di Jungle scout per avere dati ancora più affidabili.

Un prodotto che viene trovato attraverso un insieme di keyword che si posizionano al rank #1 di KTD, che ha delle buone stime di vendita date da Jungle scout e che ha ottimi volumi di ricerca per le keyword corrispondenti su Keyword tool, comincia ad essere un prodotto interessante di cui puoi valutare la produzione e la vendita. Non prima però di aver ben lavorato sul prossimo punto.

3 Personalizzazione

Hai selezionato un ottimo prodotto, ma non basta!

Devi anche trovare il modo di differenziarti: presentarsi su Amazon con un prodotto identico a quelli già venduti non ti offre nessuna leva nella vendita. Perché le persone dovrebbero acquistare il tuo prodotto piuttosto che un altro?

È necessario optare per un prodotto che tu possa personalizzare rendendolo unico

Come personalizzare un prodotto? Essenzialmente il modo più efficace per personalizzarlo è migliorarlo: migliorare le sue funzioni, renderlo più robusto, più maneggevole etc.

Per capire quali sono i punti deboli degli altri prodotti puoi acquistarne uno per valutarlo tu stesso e  controllarne le recensione negative, troverai un sacco di idee utili.

Non sottovalutare questo passaggio, un prodotto personalizzato apre le porte della vendita su Amazon con molta più facilità rispetto a un prodotto che si perde in mezzo a tutti gli altri.

Come scegliere un prodotto che vende

4 Scelta fornitore e analisi campioni

Una volta scelto il prodotto è tempo di cercare un fornitore.

Per farlo puoi utilizzare Alibaba.com il portale cinese che raggruppa migliaia di fornitori.

Puoi cercare per tipologia di prodotto oppure, meglio ancora, per tipologia di fornitore (dovrai scegliere suppliers nel campo di ricerca di Alibaba).

Così facendo, una volta eseguita la ricerca potrai restringerla per “Trade assurance” “Verified” e “Transaction level“.

Cosa significano questi termini?

  • Trade assurance, mettendo la spunta Alibaba ti mostrerà solo quei produttori che accettano di utilizzare questo servizio (offerto gratuitamente da Alibaba), che ti tutela fino all’arrivo della merce: è una sorta di assicurazione che ti permette di riavere i tuoi soldi se il fornitore dovesse fare il furbetto. Non acquistare mai da un fornitore che non accetta la Trade assurance.
  • Verified identifica i fornitori migliori, quelli che sono stati verificati da Alibaba come affidabili.
  • Transaction level indica la mole di transazione che il fornitore ha effettuato su Alibaba. Più è alta e più il fornitore è affidabile.

Utilizzando queste indicazioni Alibaba ti mostrerà solo fornitori affidabili che potrai contattare tranquillamente per richiedere un preventivo di spesa.

Il consiglio è quello di contattare più fornitori possibile in modo da avere diverse offerte tra cui scegliere.

Una volta scremati i fornitori, potrai farti spedire da ognuno un campione del prodotto per valutarne la qualità (ricorda che la qualità del prodotto è sempre molto importante per vendere con successo su Amazon).

Per abbattere le spese di spedizione dei campioni puoi usufruire del servizio offerto da TipTrans.  Ti basterà registrarti al sito per ottenere un indirizzo tuo in Cina al quale far spedire la merce. Man mano che i pacchi arriveranno potrai vederne una foto sul tuo account tiptrans, e quando sarai pronto potrai dare l’ordine di compattare il tutto in un solo pacco e spedirtelo. In questo modo pagherai una sola spesa di spedizione invece di 3, 4, 5, 10 ( a seconda di quanti campioni richiedi).

Non sottovalutare la richiesta dei campioni, soprattutto se il prezzo offerto è particolarmente basso: è sempre bene verificare con mano il prodotto.

5 Avvio della produzione

Una volta che avrai ricevuto i campioni e selezionato il fornitore migliore per le tue esigenze, potrai avviare la produzione.

Il fornitore ti richiederà un anticipo, che in genere si attesta sul 30% del totale. Pagherai il rimanente 70% a produzione ultimata, prima della spedizione.

Prima di effettuare il saldo del pagamento è bene supervisionare la merce inviando dal fornitore un’azienda di controllo qualità, che potrà verificare se tutto è in ordine e se i termini del contratto sono stati rispettati.

Se tutto è in ordine potrai procedere con il pagamento, per poi passare alla prossima fase: la spedizione.

6 Spedizione

Il processo della spedizione potrà sembrare all’inizio un po’ ostico ma, come tutte le cose, facendolo risulterà sempre più lineare.

Prima di procedere nei dettagli della spedizione facciamo una piccola premessa parlando di INCOTERMS.
Gli INCOTERMS sono codici che identificano in modo chiaro la tipologia di spedizione e gli oneri di chi spedisce e di chi riceve.

Gli INCOTERMS che ci interessano sono essenzialmente due: FOB e DAP.

FOB significa consegnato in porto sdoganato: merce pronta a lasciare il Paese (è il fornitore che si occupa delle spese e della documentazione per lo sdoganamento in uscita).

DAP significa consegnato sul luogo indicato, e comprende la gestione della dogana nel Paese di arrivo. Non è comprensivo di dazi e iva, che andranno pagati a parte.

Quindi veniamo alla nostra spedizione: ecco come procedere per non avere problemi:

  1. Chiediamo al fornitore la consegna in FOB al porto, presso il magazzino del nostro spedizioniere.
  2. Facciamo un DAP con lo spedizioniere fino ai suoi magazzini in Italia.
  3. Ordiniamo da Seller central un pick up della merce nei magazzini dello spedizioniere.

Questa è la procedura più semplice e lineare da seguire.

Sarà lo spedizioniere a gestire la dogana fornendoti la bolla doganale con tutti i dettagli e la richiesta di pagamento di iva e dazi (pagherai i dazi sul valore totale della merce più le spese di spedizione. Sul totale: valore merce + spese spedizione + dazi pagherai l’iva al 22% ). Potrai effettuare il pagamento con un semplice bonifico allo spedizioniere.

Attraverso Seller central potrai ordinare il pick up dai magazzini dello spedizioniere in modo semplice, veloce e piuttosto economico.

Ti sconsiglio di optare per la consegna direttamente ai magazzini Amazon: non tutti i corrieri sono ammessi, è necessario seguire diverse regole precise e prendere un appuntamento per poter consegnare. Il rischio che la merce non venga accettata a causa di un piccolo errore nella documentazione è elevato.

7 Posizionamento 

Una volta che avrai pubblicato il tuo prodotto su Amazon, sarà basilare lavorare sul posizionamento della tua pagina prodotto all’interno del sistema Amazon.

Essenzialmente, l’obiettivo è quello di fare in modo che la tua pagina prodotto si presenti in prima pagina per le keyword principali che le persone utilizzano per cercare quella determinata tipologia di prodotto su Amazon.

Quindi la cosa più importante da fare è ottimizzare la tua pagine per quelle keyword.

È bene che le keyword più importanti siano presenti nel titolo. Poi, a seguire, quelle un po’ meno importanti nei bullet point (l’elenco puntato presente subito sotto al titolo se guardi da pc). E infine nella descrizione.

Non ripetere le parole chiave più volte nella pagina, non serve a nulla e potrebbe addirittura essere controproducente.

Quali sono le parole chiave da utilizzare per posizionare la pagina? Sono quelle che hai trovato (in fase di ricerca prodotto) con Keywordtool e KTD.

Se vuoi però ottenere il massimo, allora, lo strumento che in questo caso devi utilizzare è Helium10 (inserendo questo coupon avrai uno sconto del 10%: AMOS10 ).

Attraverso la funzione “Cerebro” di Helium10 puoi scoprire quali sono le keyword utilizzate dai tuoi competitor principali per poi inserirle nella tua pagina prodotto.

Helium10 con Index checker controlla anche la tua pagina prodotto per capire se è ottimizzata per le parole chiave che ti interessano. Attraverso poi il Keyword tracker puoi mantenere monitorate delle parole chiave, e capire di giorno in giorno se il tuo prodotto sta salendo o scendendo nel rank per quelle parole.

Helium10 è tra i migliori tool per lavorare su Amazon, non puoi farne a meno se vuoi davvero avere successo.

Non solo keywords

Per posizionare la tua pagina non basteranno le keywords nella pagina prodotto. Certo, un buon listing farà salire il tuo prodotto ma, per portarlo in prima pagina, dovrai necessariamente provocare delle vendite.

Per farlo potrai utilizzare:

  • Coupon sconto
  • PPC

I Coupon sconto (che puoi creare agevolmente da Seller central) potrai promuoverli attraverso delle Facebook/Instagram Ads in modo da distribuirne un buon quantitativo e far arrivare quindi le prime vendite.

Attenzione però, non creare un coupon sconto generale uguale per tutti: potresti perdere il controllo della situazione e trovarti addirittura a finire la merce vendendola tutta a sottocosto (soprattutto se farai sconti dal 60% in su). Questo può succedere perché, magari, qualcuno condivide il tuo coupon in qualche gruppo affamato di sconti o, peggio, perché un tuo competitor trova lo sconto e decide di acquistarti tutto lo stock sottocosto, eliminandoti dal mercato e ottenendo un prodotto da rivendere pagato davvero poco…

Quindi, per quanto detto, il coupon sconto deve essere personale, ogni persona un coupon sconto diverso che può essere utilizzato una sola volta . Per distribuire i coupon in questo modo puoi avvalerti del servizio di amzpromoter che ti permette di costruire in modo semplice una landing page dalla quale distribuire i coupon.

Le PPC sono le inserzioni interne di Amazon. Quando fai una ricerca di un prodotto, in genere i primi 2-3 prodotti sono prodotti sponsorizzati attraverso le PPC.

Se un utente clicca tu paghi alcuni centesimi, in cambio però hai fin da subito il massimo della visibilità.

Puoi attivare le PPC direttamente da Seller central.

Le due strategie sono da utilizzare assieme per raggiungere in modo più veloce ed efficace l’obiettivo.

Il posizionamento di un prodotto su Amazon è una materia piuttosto estesa e dipende da diversi fattori, queste sono solo le indicazioni di base che dovrai approfondire per raggiungere l’obiettivo.

5 Quali sono i costi fissi da sostenere per vendere su Amazon?

I costi fissi legati a questo business sono tutti essenzialmente da imputare ai vari tool indispensabili per raggiungere il successo.

Vediamo il riepilogo:

  • Seller central 39€/mese  (è l’interfaccia di Amazon per vendere. Puoi avvalerti anche di un account individuale free ma sarai limitato in diverse funzioni tra cui l’assistenza che non sarà così immediata come con l’account pro).
  • Keywordtool 69€/mese (Indispensabile per selezionare il prodotto. La buona notizia è che questo strumento può essere condiviso senza problemi con altre tre persone portando quindi la spesa a solo 19€ a testa).
  • Junglescout 39€/mese (L’estensione per Chrome ha un costo una tantum di 97 o 197€ a seconda del piano. Ma solo fino al 01/04/2019 dopo di ché passerà a pagamento annuale (i 39€ al mese sono riferiti all’applicazione web di Jungle scout indispensabile per tracciare i prodotti e ottenere dati più specifici).
  • Helium10 da 33 a 177€/mese a seconda dei piani ( si tratta di uno dei tool più avanzati disponibili sul mercato, puoi scegliere di attivare solo le funzionalità che più ti servono per abbattere la spesa. Inserendo questo codice ottieni un BUONO SCONTO DEL 10% ogni mese: AMOS10 )
  • Keywword Tool Dominator 58€ una tantum  (non costituisce un costo fisso, una volta acquistato è tuo per sempre).
  • Merce 1000/2000 € (Non lo consideriamo un costo fisso, ma è comunque tenere ben presente nel momento in cui si inizia questo business che questa è la cifra minima da investire per poter cominciare a vendere su Amazon).

6 Amazon FBA è alla portata di tutti?

Lavorare con Amazon FBA elimina mille problemi logistici iniziali e abbatte i costi di gestione del business, da questo punto di vista ha una porta d’entrata facilmente accessibile.

Questo però non significa che sia facile ottenere un grande successo: è necessario applicarsi, studiare ed essere ben determinati.

Ma questo non basta, è anche necessario avere un punto di riferimento a cui potersi rivolgere in caso di problemi che, credimi, si presenteranno in modo copioso!

Puoi anche conoscere perfettamente tutta la teoria ma, quando entri in campo, in pochissimo tempo puoi trovarti davanti a problemi del tutto imprevisti e di non sempre facile soluzione, soprattutto quando hai a che fare con fornitori che sono all’altro capo del mondo.

Le soluzioni possono essere tante, quello che ti suggerisco, se vuoi seriamente lanciarti in questo business, è di valutare l’accesso al corso di Antonio Vida, otterrai molto, molto di più di un semplice corso:Antonio Vida

  • Video lezioni passo passo estremamente approfondite e specifiche per ogni passaggio.
  • Gruppo professionale dedicato, dove potrai ottenere in tempo reale risposte per i problemi più disparati da altre persone che già vendono con successo su Amazon.
  • Assistenza continua, per qualsiasi problema potrai contattare Antonio Vida e il suo team ricevendo risposta in poche ore.
  • Coaching call one to one, chiamate direttamente con Antonio Vida per rispondere a tutte le tue domande, sciogliere problemi, andare nel dettaglio di quello che è il tuo caso specifico (puoi avere fino a 9 coaching call comprese nel corso e puoi aggiungerne altre quando vuoi).
  • Servizi professionali a 360 gradi per coprire le tue eventuali lacune.

Se vuoi vendere con successo su Amazon evitando di commettere errori (che potrebbero costarti anche diverse migliaia di euro) ti consiglio caldamente di prendere in considerazione questo piccolo investimento nel corso di Antonio Vida.

Ma chi è Antonio Vida?

È un imprenditore italiano che da più di 3 anni vende con successo su Amazon sia in Europa che in America, per conoscerlo meglio puoi seguire il suo webinar gratuito.

RISORSE ESSENZIALI

Strumenti

Corso e Webinar

Se questo articolo ti è stato utile condividilo con i tuoi amici e lascia un commento qui sotto.

Per info e consulenze puoi scrivermi a info@amosboilini.it
Oppure scrivimi su messenger